Advertisement
 
   
 
     
 
 

Statistiche

Utenti: 736
Notizie: 11123
Collegamenti web: 5212
Visitatori: 67597599
Il messaggio di Ján Figel’ PDF Stampa E-mail
sabato 19 aprile 2008

Signore e Signori, 
 
Sono lieto di rivolgermi a voi oggi in occasione della Giornata Europea del Circo nel mio ruolo di Commissario Europeo per l'Istruzione, la Formazione, la Cultura e la Gioventù.

Il  Circo è una forma unica di spettacolo che merita riconoscimento e appoggio, come è stato sostenuto anche dal Parlamento Europeo nella sua delibera del 2005. 
Il circo è parte del nostro patrimonio artistico e culturale.  
Sebbene il circo abbia le sue radici in molte culture, il circo - così come lo conosciamo oggi - è in gran parte un'invenzione europea. Il primo spettacolo di circo ebbe luogo nel 1768 a Londra. Cavalli ed acrobati si esibirono in una pista riempita di segatura, meravigliando e divertendo il pubblico con le loro audaci prodezze e con il divertimento. Questo semplice concetto, che consisteva in una varietà di numeri, presentati in una pista, e più tardi sotto una tenda mobile, nota come Big Top, si diffuse in tutto il mondo.  Divenne famoso in molte località come "l'arte della gente".   
 
Oggi milioni di persone in tutta Europa vanno al circo ogni anno.  Il circo può offrire il semplice divertimento per famiglie o grande qualità e livello artistico raffinato. Il circo è per molte persone la prima esperienza di spettacolo dal vivo. Mentre lo spettacolo del circo si svolge a volte in strutture stabili costruite appositamente, la sua mobilità assicura la sua accessibilità alla maggior parte possibile della società. Effettivamente, la tradizione del circo itinerante incarna una delle caratteristiche centrali dell'Unione europea: è una forma d'arte senza confini.  
 
Il circo, in breve, è una forma d'arte universale, che offre qualcosa a tutti. È tradizionale, ma anche moderno, continuamente in evoluzione e rinnovamento.  I suoi artisti, molti di loro cittadini internazionali fin dalla nascita, sono a casa loro ovunque vadano, parlando la loro lingua e seguendo le loro tradizioni. Lavorano insieme per uno spettacolo perfetto e impeccabile quasi ogni giorno della stagione.       
  
L'Unione Europea è a favore dei legami e dell'unione.  Quell'unione dovrebbe esprimersi nel divertimento e nell'arte così come nel mondo degli affari.  Dobbiamo essere consapevoli che il 2008 è l'Anno Europeo del Dialogo Interculturale.   Poche forme d'arte raccolgono insieme così tante lingue, radici etniche e culturali in un unico luogo come il circo.  Il circo è la casa naturale per il dialogo interculturale e offre opportunità quotidiane affinchè le differenze culturali possano essere capite meglio ed essere celebrate.  Ecco perché sono lieto ed orgoglioso di essere stato invitato per inaugurare la prima Giornata Europea del Circo.  Grazie per la vostra attenzione ed ora...che inizi lo spettacolo!!  
 

Ján Figel’, Commissario Europeo per l'Istruzione, la Formazione, la Cultura e la Gioventù 
 

 
< Prec.   Pros. >

Area Riservata

Amministratore
 
  C.A.de.C - Club Amici del Circo 2007